mce IL TRATTAMENTO SUPERFICIALE

In panificio e in pasticceria il trattamento delle teglie è da sempre un argomento di grande interesse. Per evitare che in cottura il prodotto si attacchi, l’uso e la tradizione insegnano di ungere le teglie con olio o grasso vegetale.

In alternativa vengono proposti tre differenti tipi di rivestimento antiaderente: silicone trasparente, elastomeri colorati e Teflon®.

I rivestimenti a base di fluoropolimeri come il Teflon® sono senza dubbio i più efficaci e duraturi. Offrono una serie di importanti vantaggi:

  • Anti-aderente, facile distacco del prodotto;
  • eliminazione dell'uso di grassi e di oli distaccanti;
  • minore necessità di lavaggi;
  • maggiore durata dei materiali: protezione dei substrati metallici dalla corrosione causata dai sali, dagli acidi e da altre sostanze presenti nei prodotti da forno;
  • velocità e facilità nel lavoro e nelle operazione di scarico della teglia;
  • riduzione degli scarti di prodotto cotto;
  • miglioramento dell’ambiente di lavoro.

Noi riteniamo che il trattamento superficiale in Teflon®, “teflonatura”, sia la scelta oggi più efficace e conveniente. Rispetto ai trattamenti siliconici o con elastomeri ha una maggiore resistenza meccanica. Questo comporta una vita più lunga, maggior durata nel tempo e maggior numero di cicli di utilizzo, e un’efficacia antiaderente costante.

La sua diffusione è ridotta dall’impatto del suo costo iniziale, ma se tutti i fattori fossero considerati la scelta per tale rivestimento sarebbe obbligata.

L’ esperienza raccolta da molti e diversi utilizzatori ci ha mostrato che l’investimento rientra in media già dopo 7/10 mesi di utilizzo.

Minori costi

Lavorare con teglie teflonate® vuol dire evitare di ungerle. Questo permette di risparmiare l’olio o il grasso e il tempo e l’energia di applicazione. Migliorano la facilità ed il tempo di rimozione del prodotto dalla teglia.

Mantenimento

Le teglie trattate al Teflon® sono più facile da mantenere: la pulizia può avvenire con il semplice impiego di acqua calda (lavastoviglie) o panni soffici.

Qualità

Sulle teglie trattate con olio e grasso, cottura dopo cottura, si forma una patina unta e scura. Questa in parte ostruisce i fori delle teglie riducendo la qualità della cottura, in parte si distacca incollandosi al prodotto rovinandone l’aspetto e deteriorandone il gusto.

Qualità del lavoro

Lo scarico dalla teglia è semplice e veloce. La pulizia delle le teglie teflonate® avviene con intervalli di utilizzo più lunghi e richiede meno tempo e meno sforzo.

Qualità dell’ambiente di lavoro

L’utilizzo di teglie teflonate® riduce la quantità di olio e grassi dispersi nell’ambiente di lavoro, nell’aria e sulle superfici di accumulo e deposito. L’inalazione e il contatto della pelle con i residui dei grassi bruciati si riduce di gran lunga.

 

Teflon® Fluoropolimero ptfe

Teflon® Il Fluoropolimero PTFE è un prodotto DuPont™, una resina multistrato a base di un copolimero fluorurato termoplastico, con un eccezionale resitistenza alle alte temperature, alle reazioni chimiche, alla corrosione e allo stress-cracking. Grazie ai particolari cicli termici di estensione e alle caratteristiche intrinseche di termoplasticità ed inerzia inerzia chimica, la porosità residua è molto bassa. La resistenza meccanica, proprietà anti-frizione e anti-aderente, permette una vasta gamma di applicazioni in diversi processi tecnici ed industriali.

Il trattamento superficiale con il Teflon® è diventato indispensabile nella industria del food.

Quando teflonate®, teglie per baguette o pane in genere, cassette, teglie per grissini o pizza, forme per pasticceria o teglie per biscotti offrono molti vantaggi rispetto al non trattamento o all’impiego del silicone, riducendo i problemi di aderenza e pulizia, facilitando e velocizzando le operazioni di scarico da stampi o teglie.

Teflon® è un polimero ad alto peso molecolare, costituito da atomi di Fluoro e di Carbonio, un polimero inerte, conforme all’uso alimentare e al contatto con alimenti. Ha la proprietà di non reagire con altre sostanze, sia quelle impiegate in cottura sia quelle presenti nell’impasto.

Elevata resistenza agli agenti chimici e solventi:

Il PTFE non viene aggredito dalla quasi totalità dei composti chimici, fanno eccezione i metalli alcalini allo stato fuso, il fluoro gassoso e alcuni composti fluorurati. Completa insolubilità in acqua e in qualsiasi solvente organico fino a 300°C.

Elevate caratteristiche dielettriche:

Il PTFE è un buon isolante ed un prezioso dielettrico. Esso mantiene praticamente queste sue caratteristiche in un ampio campo di condizioni ambientali, di temperature e di frequenza. Possiede valori di costante dielettrica e di fattore di dissipazione molto bassi; questi valori rimangono invariati fino a 300°C

Elevata resistenza termica:

Il PTFE è una delle materie plastiche termicamente più stabili. A 260°C non si hanno apprezzabili decomposizioni, per cui a questa temperatura conserva ancora buona parte delle proprie caratteristiche. Decomposizioni apprezzabili si rilevano oltre i 400°C. Ottime qualità di resistenza al fuoco, infatti non propaga la fiamma.

Basso coefficiente di attrito:

Il coefficiente di attrito statico (di primo distacco) e quello dinamico sono uguali per cui non si verificano fenomeni di grippaggio e di attrito allo spunto. Aumentando il carico, il coefficiente di attrito diminuisce per poi stabilizzarsi. Il coefficiente di attrito aumenta con l'aumentare della velocità mentre rimane costante al variare della temperatura.

Elevata antiadesività:

E’ la configurazione molecolare del PTFE stesso che conferisce alle superfici un'elevata antiadesività. Non è noto alcun adesivo capace di incollare il PTFE ; solo tramite un trattamento speciale, chiamato cementazione, è possibile rendere le superfici incollabili.

 

I vantaggi che il rivestimento in Teflon® offre, sono:

• facilità di pulizia;

• ottima resistenza alla temperatura;

• buona resistenza a ripetuti cicli di lavaggio;

• riduce la percentuale di difetti e scarti nei prodotti cotti;

• tempi di pulizia e fermo macchina sensibilmente ridotti.

 

Attenzione al sistema di applicazione perché conferisce l’alta qualità al prodotto teflonato®. La tipologia di rivestimento da noi impiegata permette un numero di cicli di cottura maggiore rispetto a quello dei sistemi utilizzati da molti concorrenti, riducendo i costi di utilizzo.

Lo spessore di rivestimento si misura in micron e il numero è una risorsa aziendale frutto della tecnica e dell’esperienza. Il colore base è sempre il verde, ma se pigmentato può assumere colorazioni a richiesta, come il nero o il marrone.

 

Teglia & Rivestimento

La nostra azienda offre un servizio completo: teglia & rivestimento. La struttura produttiva infatti verifica lo stato delle vostre teglie usate e definisce i tipi di interventi manutentivi atti a rimetterle a nuovo. L'azienda le ripara e adotta una particolare tecnologia di asportazione dei vecchi rivestimenti che consente di preservare l'integrità fisica della teglia, nessuna deformazione, nessun attacco chimico o stress termico. La ri-teflonatura completa il ricondizionamento della teglia.

 Cura e Mantenimento

 Cosa non fare:

  • Non pulire mai le teglie o altri strumenti di lavoro teflonati® con attrezzi appuntiti o abrasivi, danneggerebbero il trattamento pregiudicandone l’efficacia.
  • Non lavare in alta pressione (superiori alle 5 bar) e non utilizzare soluzioni alcaline o aggressive o non idonee all’uso alimentare.
  • Non riscaldare a vuoto.
  • Non utilizzare se bagnate o umide.

 Cosa fare:

  • Movimentare teglie e strumenti di lavoro teflonati® con adeguata cautela.
  • Pulire esclusivamente con acqua calda (in lavastoviglie a max 50°C), con agenti a PH neutro, utilizzando panni morbidi.
  • Utilizzare una pressione di lavaggio inferiore alle 5 bar.
  • Asciugare le teglie prima di utilizzarle nuovamente.
  • Nella movimentazione fare attenzione alle cadute ed ai colpi. Non sovrapporre.
  • Stoccare il prodotto pulito e in luogo igienicamente adeguato, asciutto e privo di polveri. 



Back